Username
Password
Cerca
News

Piccioto fuori con Don Abbondio

Scritto il 22 dicembre 2019 alle 11:16

A pochi giorni da Natale “Don Abbondio” arriva sugli schermi e nelle radio degli Italiani mostrando in maniera chiara e senza filtri l'evidenza di una Chiesa corrotta e in totale degrado. In “Don Abbondio” si parla di pedofilia, di sesso, di sperpero di denaro, di raccomandazioni e di tutte le situazioni in cui la chiesa si inserisce nei contesti politici per i giochi di potere. Il singolo, nuovo capolavoro dell'Artista Siciliano Picciotto (conosciuto ai più per le oltre 135 mila visualizzazioni di un brano passato anche in Rai a favore della lotta contro la mafia e l'amianto “Sotto Casa mia”) é prodotto da Dj Crocetta e vanta gli scratches di Dj Jad (Articolo 31), da sempre coinvolto nelle produzioni dell'artista. Il brano, che anticipa il terzo disco ufficiale previsto per l'estate 2020 dal nome “Don Picciotto”, é accompagnato da un video per la regia di Fabio di Dio Buono e dello stesso artista. Il mixaggio e il mastering sono stati affidati a Peppe “il Cirino”. Il ritornello del brano è stato interpretato dalla cantante Marvi Vaccari. Il video, eccezionalmente costruito attraverso allegorie e metafore attorno alle storie dei Promessi Sposi del Manzoni e del Pinocchio di Collodi, ha una vera e propria particolarità : il Prete dal viso censurato non interpreta solo un ruolo, ma é realmente parte del Clero Italiano. Il progetto ha un forte carattere critico. La satira si fonde all'attitudine Hip Hop e a un sound leggermente reggae. “Don Abbondio” é un tassello importante per Picciotto, che riconferma ancora una volta il proprio stile e la voglia di trattare temi attuali e scomodi.

scritto da Barbara80
1
commenti
Nessun commento inserito.
inserisci commento

Per commentare registrati o effettua il login



inserisci post

Registrati a JamIt ed entra a far parte della nostra community, troverai tanti utenti
che come te vivono per l'hip hop e potrai essere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Non hai un account Facebook? Clicca qui


Rilevato blocco contenuti


Attenzione, è stato rilevato un sistema di blocco dei contenuti (AdBlock).
Per il corretto funzionamento del sito è necessario disabilitarlo.

Riprova